Catalogo - Scheda titolo

Antonella Romeo
Sgurbiól

Delle cose e del tempo di Lelia

Postfazione di Natascia Corsini

Edizioni SEB27
Tamburi di Carta - 25
ISSN 2280-9236
Formato: 12x20
Pagine: 224
Anno: 2021
ISBN: 978-88-98670-64-2
Prezzo: €16,00
Titolo momentaneamente non disponibile

PREVISTO PER SETTEMBRE 2021
 
Uno sgurbiól, non più bambina e non ancora donna, Lelia passa l’infanzia in una cascina della Bassa modenese. Le mucche da latte per il parmigiano, la mezzadria come nell’Ottocento, l’acqua dal pozzo e il cesso dietro il porcile. Nei campi lavorano anche i più piccoli, loro spauracchio sono i gorghi del Panaro e la brigata nera che arriva a razziare di notte. Poca scuola, soprattutto per le femmine, anche a guerra finita. A Lelia pesa l’ignoranza, legge I Miserabili alla luce del lumino a petrolio e studia nelle riunioni del partito. Le ragazze per andare a ballare si scambiano i vestiti, ma la pace fa fatica a iniziare. Si continua a sparare e a terra restano i contadini e gli operai. Nelle fabbriche servono le donne per i lavori di fino, Lelia con le sue sorelle si sposta in città per fare l’operaia. Mantiene i genitori, lavora e diventa capo reparto; tiene botta nel sindacato, torna a scuola, ma in fabbrica è ancora pagata meno dei suoi compagni maschi. Sono donne e uomini come lei gli artefici delle nostre libertà, della pace e del nostro benessere. Lelia ci guida nei gironi della grande storia, su di essa non lascerà che una lieve impronta: la matrice della storia minuta da cui proveniamo tutti.
 
ANTONELLA ROMEO. Giornalista professionista dal 1986, ha lavorato per testate come “Società Civile”, “Il Corriere della Sera”, “Il Manifesto”, “L’Europeo”, “Die Zeit”, “Spiegel Spezial”, “Merian”, “Weltwoche”, “Domani” e con la radio pubblica tedesca Wdr. Occupandosi principalmente di politica italiana, di immigrazione e dei temi legati al “vivere altrove”, della memoria storica della Germania e dell’Italia. Nel 2004 ha pubblicato in lingua tedesca, per l’editore Hoffmann und Campe, il libro La deutsche Vita, uscito in Italia nel 2007 con Edizioni Seb27. Nel 2013 ha curato l’edizione italiana (Edizioni Seb27) e quella tedesca (Laika Verlag) del volume di e su Esther Béjarano, La ragazza con la fisarmonica - Erinnerungen. Nel 2017 ha curato il libro collettaneo Abbandoni. Assembramenti umani e spazi urbani: rifugiati e negligenti politiche di accoglienza (Edizioni Seb27).